Rosa osiria

Quando e come irrigare la rosa osiria

Quando si effettua l'irrigazione della rosa Osiria bisogna rispettare due regole fondamentali: l'acqua deve raggiungere tutto l'apparato radicale e non solo una parte. Di conseguenza occorre distribuire l'acqua intorno alla pianta per evitare che l'esemplare sia sottoposto a uno sforzo vegetativo notevole: il rischio è che possa svilupparsi solo dalla parte che riceve acqua e che l'altra possa deperire fino a morire. La seconda regola da rispettare quando si coltiva la rosa Osiria è innaffiare abbondantemente due volte alla settimana. L'apporto d'acqua è legato alla natura del terreno, alla stagione, al clima e all’esposizione, tuttavia durante la stagione calda è sufficiente il liquido contenuto in un secchio di media grandezza (circa 7 litri). Se possibile, prima dell'innaffiatura è meglio lasciar riposare l'acqua per una giornata per poi usarla a temperatura ambiente.
Rosa osiria

Wisteria Floribunda Liliac Rose Glicine Rosa Lilla - Piante Rampicanti su vaso da 26 - altezza 200 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,9€


Caratteristiche e coltivazione della rosa

Rosa variegata La rosa Osiria è tra le varietà più originali e spettacolari di rose; deriva dagli ibridi di Tea e si caratterizza per una corolla dalla doppia colorazione. Si tratta di una rosa poco diffusa ma molto nota perché veramente rara e pregiata. La rosa Osiria possiede grandi fiori e cresce bene in qualsiasi terra da giardino di medio impasto moderatamente fertile: è necessario che il terreno non sia troppo compatto oppure troppo sciolto. I risultati migliori si ottengono con terriccio arricchito con molto humus. Il terreno ideale di coltivazione è composto di sabbia, limo e argilla, presenti rispettivamente al 50-80%, 10-15% e 5-10%. Questo tipo di substrato ha infatti una struttura che comprende particelle grossolane drenanti e altre più piccole che favoriscono l'assorbimento di acqua e sostanze nutrienti.

  • Caratteristiche rosa cocktail La rosa cocktail è un grande arbusto ed è spesso utilizzata come pianta rampicante. Non riesce a raggiungere altezze molto elevate, resta piuttosto bassina ma ordinata. La caratteristica principale di...
  • Rosa iceberg Da un punto di vista dell'innaffiatura diciamo che la rosa iceberg non pretende molta acqua anzi nel periodo che va da marzo a settembre è possibile annaffiarla sporadicamente. Questo succede perché q...
  • Rosa iceberg La meravigliosa pianta proviene dai continenti asiatico ed europeo e viene annoverata nell'ampio ed importante raggruppamento familiare delle Rosaceae. Questa peculiare varietà di rosa, che deve il no...
  • Rosa blue moon Che le rose blu vendute a mazzi dai fioristi altro non sono che rose bianche "nutrite" con una miscela di acqua e colorante, non è una novità. Esistono invece varietà straordinarie di rose ibridate da...

Ballery Giardino Innesto Kit, Professionale Cesoia Potatura Taglio Forbici Set da Giardinaggio con Custodia di Trasporto per Pianta Albero da Frutta Ramo Ramoscello Vine

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 8,67€)


Come concimare il terreno e i nutritivi necessari

Ibrido rosa Per coltivare la rosa Osiria bisogna evitare i terreni troppo argillosi, dove l'acqua ristagna, perché, come tutte le Rose, non gradisce rimanere con le radici a mollo. Si può migliorare il drenaggio aggiungendo una buona quantità di ghiaia, della sabbia grossolana di fiume e del letame maturo. Anche un terreno troppo sabbioso non è ideale per lo sviluppo della rosa Osiria perché le radici non assorbono sufficientemente l'acqua e i fertilizzanti. Per assicurare alla pianta il giusto nutrimento bisogna somministrare concimi contenenti azoto, fosforo, potassio, calcio, ferro, manganese e magnesio. L'azoto stimola la crescita dell'esemplare, mentre il fosforo contribuisce a sviluppare l'apparato radicale. Il potassio, invece, rende più vivo il colore dei fiori e rende la pianta più resistente al gelo e ad alcune malattie, come la ruggine e il cancro della rosa.


Rosa osiria: Malattie e parassiti

Rose rare La rosa Osiria può venir attaccata da parassiti e da malattie fungine, favorite a volte da particolari condizioni atmosferiche. Bisogna quindi attuare una prevenzione, effettuando trattamenti in grado di contrastare l'insorgere di queste patologie e intervenire subito ai primi segni evidenti. Il trattamento deve essere regolare e sistematico, perché interventi sporadici non producono effetti; la frequenza deve tener conto delle condizioni climatiche e della crescita della rosa Osiria. I trattamenti a base di polveri contro l'oidio vanno effettuati quando le foglie sono umide, in modo che le polveri aderiscano meglio. Si deve operare di mattina presto o nel tardo pomeriggio, evitando le ore di sole intenso, oppure nelle giornate nuvolose. Occorre evitare di trattare anche i fiori già aperti perché danneggiano la corolla e uccidono anche gli insetti impollinatori. In ogni caso i prodotti curativi vanno usati poche volte nella stagione per non stimolare il fenomeno della resistenza.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO